Bando del Premio 2017

martedì 14 settembre 2010

Bertelli Romano


Romano Bertelli è nato ad Ostiglia nel 1940 ed ivi lavora presso il suo studio in via Adda, 10. Di formazione autodidatta, inizia il suo percorso artistico nel 1968 esponendo le sue opere in numerose mostre personali, collettive, rassegne varie ed expo in Italia e all’estero.
Partecipa con notevole successo a concorsi nazionali, dove riesce ad attrarre l’attenzione dei critici ed imponendosi vincendo importanti e numerosi premi.
Fra questi ricordiamo le affermazioni ai concorsi di: Marina di Ravenna (RA), “Contea di Bormio” Bormio,  Pastrengo (VR),  Martinsicuro (TE). Molte sue opere fanno parte di collezioni pubbliche e private. In particolare si segnala la presenza di sue opere presso  la Galleria “Città d’Arco” Arco (TN), la “Itars Atelier” di Nizza (Francia), la “Zimmer Galerie” (Wagenpfeil – Brenzinger) di Schwetzingen – Germania. 
Dal 2012 è presente con un'opera nel Piccolomuseo di Fighille.
Cosi’ introduce alla sua pittura il critico Isidoro Giannetto: "Una caratteristica che si riscontra nella pittura di Bertelli, conferendole un’intensità che affascina, è la capacità della glorificazione della natura sensibile, dell’esaltazione delle cose; una capacità capacità inconsueta che riunisce la concretezza della realtà con l’impalpabilità del sogno. Al livello più immediato ciò da luogo a quella coincidenza dell’amore del visibile, del rispetto del concreto e dell’amore dell’invisibile e dell’eterno. L’Artista, predilige spazi nei quali i colori cercano una motivazione profonda, un accordo intimo fra la forma ed il contenuto, consentendo ad ogni cosa esistente di rivelare la sua essenza, la sua primordiale verità, l’anima delle cose! Conquista irridescente mutevoli ed incantevoli rarefazioni attraverso l’impatto dei colori, quasi a voler dar un’ anima poetica alle sue visioni.Le pitture di Bertelli sono rasserenanti, infatti sono rimossi ogni disagio ed ogni senso di colpa e del terribile, è rimossa la lacerazione del soggetto e l’irrimediabile frustrazione: predilige l’artista ispirare fiducia, magnificando la presenza della grazia che è nelle cose create".
Ecco alcune sue opere:

  
Clicca qui per visualizzare le opere presenti nel piccolomuseo di Fighille