Bando del Premio 2017

venerdì 1 ottobre 2010

Erani Ido


Ido Erani nasce a Forlì nel 1945 ove tuttora vive ed opera da oltre quarant'anni. 
Frequenta il Liceo Artistico della città natale per poi trasferirsi a Milano all'Accademia di Belle Arti di Brera. Sono gli anni '70 periodo in cui la città è il fulcro di movimenti artistici e di avanguardia importanti a livello nazionale. L'artista entra in contatto con esponenti del calibro di Giovanni Cappelli, Walter Cremonini, Giancarlo Giannini e Luigi Timoncini.  Questa esperienza giovanile gli permette di sviluppare ed affinare la sua arte tanto da ottenere importanti riconoscimenti. Partecipa a numerose rassegne nazionali vincendo prestigiosi premi, ed allestisce varie personali all'estero, in prevalenza negli Stati Uniti. La tappa più significativa della carriera artistica del maestro è rappresentata dal lungo soggiorno a Las Vegas, circa dieci anni, durante i quali raggiunge i massimi della propria espressione creativa. Stringe amicizia con Roy Linchtenstein e frequenta il maggior esponente della Pop Art, Andy Warhol.  



Affina le proprie tecniche pittoriche, i metodi di rappresentazione e l'uso del colore osservando tutto ciò che gli gravita attorno senza rimanere contaminato dalla tendenza del momento, cogliendo però ispirazione ed ulteriore energia creativa. Grazie all'innato talento e all'amore per l'arte la critica lo riconosce e lo apprezza a livello internazionale. Alcune sue opere sono esposte al museo Rockfeller e al museo Guggenheim di New York oltre che in Francia e in Spagna.. Durante questo periodo torna frequentemente in Italia nella sua amata Romagna mantenendo vivo e consolidato il rapporto con le proprie origini. 


Nell'anno 2004 vince il prestigioso premio Rotary e viene insignito del Paul Harris Fellow per meriti artistici ed umanitari. Riceve anche nel 2010 il premio Paul Harris Fellow.  La pittura "ad affresco" di Ido Erani interpreta la memoria e richiama modelli classici, a volte altisonanti e severi, addolciti e resi evanescenti dalla sua capacità di utilizzare il colore come una "patina" del tempo che avvolge ed esalta il tema centrale delle sue opere.



Clicca qui per visualizzare le opere presenti nel piccolomuseo di Fighille

http://fighillearte.blogspot.it/2010/10/opere-di-ido-erani-nel-museo.html