Bando del Premio 2017

lunedì 4 ottobre 2010

Lydia Brolli


Lydia Brolli Maneglia nasce, vive e lavora a Rimini. 
Frequenta l'Accademia d'Arte di Urbino. Espone in Italia e all'estero ottenendo numerosi riconoscimenti e consensi di critica. Insegnante di Educazione Artistica nelle Scuole Medie Statali di Rimini. 

Cosi' ne parla il prof. Franco Ruinetti: "Iniziò a dipingere quando era giovanissima, andava ancora a scuola. Frutta, fiori, panni stesi ad asciugare avevano tutte le voci e le modulazioni dei colori, ma erano esercitazioni, canzoni intonate con i timbri dispiegati della tavolozza. Questi lavori incontravano consensi e incoraggiamenti, ma la Lydia non era soddisfatta. Lei, così estroversa, che trova piacere nel coltivare le amicizie, apprese il piacere di immergersi nel gorgo del silenzio per sfrondare i soggetti, gli argomenti da dipingere per enucleare i motivi essenziali come ad esempio le risonanze delle luci e delle ombre in un bosco, in una composizione floreale o anche in qualche paia di scarpe e ciabatte apparse alla rinfusa in un angolo della fantasia.


Nella produzione s'incontrano con frequenza delle persone che non hanno valore di ritratti perché l'opera di sintesi scava, rappresenta l'interiorità, i sentimenti. Si possono vedere lui e lei, due anziani seduti su un gradino, senza gli aloni della venustà, perché è certo, così testimonia anche kandinskij, che la bellezza del soggetto non equivale a quella del quadro. Le loro mani sono grandi. Vestono gli indumenti da lavoro. Le teste un po' abbassate non lasciano vedere i volti, che non hanno importanza perché i veri protagonisti dell'opera d'arte sono la dolcezza, l'affetto che i sacrifici, spesso le privazioni, hanno temperato.
I quadri di Lydia, quelli della maturità, riescono a stabilire un rapporto di confidenza con chi presta loro attenzione.  


Talvolta si vedono dei lavoratori, come contadini o pescatori e si capisce che l'autrice rappresenta sulla ribalta delle tele la vita dura, la fatica che non ritiene di declamare con la grancassa dei colori. 
Mette conto soffermarsi sull'aspetto cromatico caratteristico delle sue tele, che non sono certamente monocromatiche. In esse si evidenzia un sicuro rapporto di continuità tra lo spazio vuoto e gli argomenti protagonisti, uomini o cose. Ecco, tanto per stare nella concretezza, che in un dipinto s'accende diffusa, uniforme, una tinta ocra che poi s'addensa, increspa, si muove sfibrandosi verso il bianco, cede altrove ai chiarori del giallo, per dare vita, in modo consequenziario, ad un personaggio immerso nel suo lavoro quotidiano. Pochi colori, ma che parlano, suonano la musica del tempo che scivola simile all'acqua del fiume, aprono miraggi imprendibili come la poesia.


L'artista lavora di getto, non cede ai ripensamenti. Il disegno è sicuro e non si attarda a cesellare i dettagli. Le immagini, che, come sopra detto, traggono vita dallo spazio, vengono da distante nelle tregue di proficue meditazioni. Levitano tra realtà e sogno. Ecco: incontriamo un'adolescente, che ha trovato rifugio nella solitudine per riposarsi e raccogliere i propri pensieri. Sembra detta sotto voce. Si presenta con la consueta chiarezza del linguaggio figurativo, ma è anche labile, quasi una visione.
Il passato è depositario della giovinezza e Lydia lo recupera con pennellate rapide e volanti che lasciano strisce , segni, macchie più o meno diffuse e leggere. Talvolta alcune opere, a prima vista, possono sorprendere e apparire strane, ma poi chiedono partecipazione e parlano di immagini complete quanto suggestive. Al proposito vale ricordare, tra vari altri, un quadro con i candelabri, dove il verde prevalente ora ha echi che sfumano nel grigio, ora lentamente svanisce nel bianco. Lo stesso dicasi a proposito di certi dipinti con scorci silvani. Ad un primo impatto non si comprendono, poi è come se s'illuminassero e quei movimenti cromatici diventano erba, sottobosco, piante. Sono interessanti e piacevoli.


Le pitture di Lydia Brolli Maneglia, che per il giusto equilibrio tra contenuto-forma rifiutano ogni esultanza cromatica e si distinguono invece per discrezione, garbo, restano in mente perché nei termini dell'originalità e con l'impronta dell'arte, di volta in volta, rappresentano e trasmettono un sentimento che è di tutti. Quello della nostalgia.

 

Clicca qui per visualizzare le opere presenti nel piccolomuseo di Fighille


http://fighillearte.blogspot.it/2010/10/opere-di-lydia-brolli-nel-museo.html