Bando del Premio 2017

venerdì 18 dicembre 2015

Al piccolomuseo di Fighille l'omaggio all'umorista Del Vaglio



 

Si apre domani la mostra omaggio a Paolo Del Vaglio presso il Piccolomuseo di Fighille. 
La mostra si articola in 25 piccole grafiche che raccontano il rapporto con l'amico Enzo Maneglia in occasione delle festività natalizie. 
Per l'occasione Maneglia ha realizzato una grafica esclusiva, anch'essa inserita in mostra, omaggio all'amico scomparso:


Paolo Del Vaglio è stato definito un "Capofila di un genere con Guido Clericetti, Gianni Chiostri, Ernesto Cattoni e suor Rosa Guerrini, ovvero il gruppo dei più apprezzati umoristi cattolici.

Al cartoon, cioè la singola vignetta usata in genere dagli umoristi satirici, egli preferisce la «striscia», ossia una successione di quattro vignette, tramite le quali si sviluppa una storiellina: vengono presentati un concetto o una situazione e poi, attraverso più battute, si giunge a quella conclusiva, la vera gag, che suscita il sorriso.

L’interesse di una modalità espressiva del genere sta nel fatto che – a differenza della vignetta singola, che sembra quasi uno sparo destinato a colpire – la striscia permette di delineare un pensiero e quindi induce a una considerazione o a un ragionamento. In tale prospettiva, viene affidato all’umorismo una specie di ruolo meditativo. Il suo scopo, in sostanza, sembra essere non tanto quello fine a se stesso di provocare solo un sorriso, bensì di stimolare anche una riflessione.

I personaggi del suo teatrino di carta sono (per una sua costante quasi assoluta) dei rugiadosi angioletti o degli insinuanti, perfidi, piccoli diavoli. Creature che, proprio perché sono «fuori dal mondo», riescono a vedere bene il nostro mondo dolente, evidenziandone con limpida chiarezza limiti e magagne, che commentano con scioccante candore.