Bando del Premio 2017

mercoledì 2 luglio 2014

Visti al museo (87) - Angini & Polvani

  

Ci saranno anche Vittorio Angini e Dario Polvani, protagonisti da anni del progetto piccolomuseo di Fighille,  fra gli interpreti di un importante evento artistico e di solidarietà: Arte per i Balcani - Gli artisti aretini in aiuto degli animali alluvionati della ex Jugoslavia. Pittori, scultori e fotografi aretini si mobilitano per gli animali di Serbia, Croazia e Bosnia. Dopo la tragica alluvione dello scorso maggio, migliaia di famiglie rimaste senza tetto hanno ricevuto aiuti e donazioni per far fronte all’emergenza.



Tra le vittime del maltempo si contano purtroppo anche moltissimi animali. Cani, gatti, cavalli, animali da allevamento come mucche e pecore – ma anche quelli selvatici – hanno bisogno di cure, cibo e luoghi dove dormire. Una corsa contro il tempo che ha visto da subito in prima linea Katarina Alivojvodic, pittrice e maestra d’arte serba che vive nel territorio aretino da alcuni anni. È nata così l’iniziativa Arte per i Balcani, una mostra di beneficienza inaugurata domenica 22 giugno nell'agriturismo “Le terre dei cavalieri” in località Fratta Santa Caterina 46, a Cortona (Ar), che proseguirà fino al 13 luglio 2014. L’evento, che vanta il patrocinio dell’Ambasciata della Repubblica Serba di Roma, dell’Enpa -  Sezione di Arezzo e della Provincia di Arezzo, coinvolge alcuni tra i più apprezzati artisti operanti sul territorio aretino – Angini, Calabrò, Carboni, Cipolli, Donati, Facchini, Ghezzi, Livi, Lovari, Marrone, Montuschi, Polvani, Roggi, Ruggiero, Serafini e Torreggiani – che assieme alla Alivojvodic hanno donato i loro quadri, sculture e fotografie.Il ricavato della vendita sarà devoluto integralmente all’associazione Humanimal Organisation Onlus. Coloro che acquisteranno un’opera, infatti, verseranno il denaro sul conto corrente di Enpa, che poi lo girerà all'associazione serba, la quale a sua volta si occuperà di fornire medicine, alimenti e assistenza ai tanti animali – cuccioli e adulti – colpiti dalla disastrosa calamità naturale.