lunedì 31 gennaio 2011

15000 !


Nell'ultimo giorno di gennaio festeggiamo le quindicimila pagine visitate dal 10 settembre 2010 (data di apertura del sito), di cui 6000 nel solo ultimo mese !

Festeggiamo inoltre i primi cento visitatori al nostro museo virtuale a solo due settimane dall'apertura.
Il sito vola a tutta velocità !

venerdì 28 gennaio 2011

Enzo Maneglia


Nei giorni scorsi abbiamo pubblicato due ritratti (uno di Mario Massolo e l'altro di Giorgio Rinaldini) realizzati dall'artista di Rimini Enzo Maneglia, maestro indiscusso di satira e umorismo.

Tramite un amico comune ( il "nostro" direttore artistico" Franco Ruinetti) abbiamo saputo che ha apprezzato molto la cosa. Vogliamo quindi cogliere l'occasione per ringraziarlo pubblicamente. 
Sapere che segue le nostre iniziative e le apprezza è, per la nostra associazione, motivo di grande soddisfazione.

Invitiamo inoltre gli appassionati ad approndire la conoscenza di questo artista qui, e qui.

Cosi' ne parla Franco Ruinetti nella nota di presentazione dell'opera riprodotta qui sotto:  


"Quelli di Maneglia sono paesaggi della mente, ma i protagonisti non sono lontani, perché abitano i nostri giorni, la strada, le piazze. 
Si assiste al gioco di un uomo, col carretto e i suoi scatoloni, che non lacera e pressa, al contrario li rispetta come qualcosa di estremamente importante. 
Hanno spesso un equilibrio incerto, il fiato sospeso su un incantesimo che potrebbe anche rompersi. 
Siamo sulle scene di un disegnatore sottile, dal linguaggio scaltrito, che sa condurre l'interesse all'analisi del dettaglio, che distilla l'illusione al microscopio, che subito induce al sorriso, non fine a se stesso, perché può trasformarsi in piega storta, bocca gualcita. 
E' l'umorista che fa lo sgambetto, così ognuno intrampola sui propri scatoloni e resta sorpreso perché pensava di evadere in una vacanza dell'impegno, invece si trova impigliato in questi cartoni che non si possono più buttar via perché ci siamo maledettamente dentro".

martedì 25 gennaio 2011

Via Crucis - Piano dell'opera


 

Dopo aver presentato, uno per uno, i componenti della squadra di artisti selezionati per la creazione della Via Crucis fra la Chiesa di San Michele Arcangelo in Fighille e il Santuario di Petriolo, questo è il riepilogo con le stazioni assegnate sulle quali gli artisti stanno lavorando.
La consegna delle opere è prevista per la fine di febbraio in modo da poter completare le installazioni per la Pasqua. L'inaugurazione è prevista, ma ne daremo conferma ufficiale piu' avanti, per domenica 10 aprile alla presenza del Vescovo di Città di Castello.
Fin da ora è doveroso fare un ringraziamento a tutti gli artisti per la disponibilità e l'entusiasmo dimostrato nell'accettare l'invito e alla famiglia di Americo Casi che ha inteso ricordarne la memoria sostenendo questa iniziativa religiosa e culturale.

Avremmo voluto selezionare molti altri artisti ma l'esiguo numero di posti disponibili ci ha costretto a scelte dolorose e sofferte.
Tuttavia, l'intendimento della ProLoco è che la via crucis sia soltanto la prima di altre iniziative, magari diverse per forme e contenuti, ma  ugualmente volte alla creazione nel nostro paese di un vero e proprio "MUSEO DIFFUSO". 
Cio' sarà anche l'occasione per coinvolgere altri artisti, ugualmente meritevoli, da "pescare" nell'ampio bacino dei partecipanti al concorso dell'ottobre.
A tutti ancora grazie !

Artisti per la Via Crucis: PIERO PAOLI

 

L'artista  PIERO PAOLI ha realizzato la 15° stazione della Via Crucis Fighille-Petriolo dedicata alla RESURREZIONE di CRISTO
 
Pittore architetto e scultore si afferma ben presto come una figura importante ed originale nel panorama artistico nazionale. Sviluppa un linguaggio artistico raffinato e personale che lo porta a raccogliere ovunque consensi e successi.
Si afferma nei piu' importanti concorsi nazionali come il Premio Agazzi, la Biennale di Soliera, la Biennale di Osio di Sotto e, nel 2009,  il Premio Nazionale di Pittura di Fighille.
Intensa è anche la sua attività espositiva che lo porta in ogni parte d'Italia e all'estero per personali e collettive di grande prestigio.
E' presente con le sue opere in importanti collezioni pubbliche e private fra cui il piccolomuseo di Fighille.

L'opera con cui vinse nel 1993 la Biennale di Soliera
Nel 1985 riceve a Siena la "Targa Cateriniana per la Pace" ed il secondo premio a "Spazio Pisa". 
Realizza successivamente "Lo stadio Heysel" per il Centro Tecnico di Coverciano ed il "Giocatore di Polo" per la sede del CONI a Roma.  
Sempre nel 1985 vince il Premio Italia.
Riceve nel 1993 la prestigiosa "Rana d'oro" di San Sano.
Dipinge anche i Pali di Piancastagnaio (Siena) e Castel del Piano (Grosseto).

Paoli è un artista raffinato capace di colpire l'immaginazione dell'osservatore con le infinite sfumature dei suoi colori.

Cosi' ne parla Franco Ruinetti nella motivazione al 1° premio di Fighille:
"I toni decisi del colore e le figure scolpite dal pennello sanno condurre altrove, nei campi della solitudine e della meditazione. La presenza femminile, ora ferma, ora che, volando, rapisce il pensiero segna la coniugazione tra il reale ed il surreale. Il vero e la luce sono trascorsi dalla vita delle emozioni."

Ecco alcune sue opere:


Ringraziamo l'autore per le immagini fornite.

Artisti per la Via Crucis: PIERO PAOLI



Con grande piacere comunichiamo che l'artista PIERO PAOLI di Firenze realizzerà la 15° stazione della Via Crucis Fighille-Petriolo, dedicata alla Resurrezione di Cristo.

Pittore architetto e scultore si afferma ben presto come una figura importante ed originale nel panorama artistico nazionale. Sviluppa un linguaggio artistico raffinato e personale che lo porta a raccogliere ovunque consensi e successi.
Si afferma nei piu' importanti concorsi nazionali come il Premio Agazzi, la Biennale di Soliera, la Biennale di Osio di Sotto e, nel 2009,  il Premio Nazionale di Pittura di Fighille.
Intensa è anche la sua attività espositiva che lo porta in ogni parte d'Italia e all'estero per personali e collettive di grande prestigio.
E' presente con le sue opere in importanti collezioni pubbliche e private fra cui il piccolomuseo di Fighille.

L'opera con cui vinse nel 1993 la Biennale di Soliera
Nel 1985 riceve a Siena la "Targa Cateriniana per la Pace" ed il secondo premio a "Spazio Pisa". 
Realizza successivamente "Lo stadio Heysel" per il Centro Tecnico di Coverciano ed il "Giocatore di Polo" per la sede del CONI a Roma.  
Sempre nel 1985 vince il Premio Italia.
Riceve nel 1993 la prestigiosa "Rana d'oro" di San Sano.
Dipinge anche i Pali di Piancastagnaio (Siena) e Castel del Piano (Grosseto).

Paoli è un artista raffinato capace di colpire l'immaginazione dell'osservatore con le infinite sfumature dei suoi colori.

Cosi' ne parla Franco Ruinetti nella motivazione al 1° premio di Fighille:
"I toni decisi del colore e le figure scolpite dal pennello sanno condurre altrove, nei campi della solitudine e della meditazione. La presenza femminile, ora ferma, ora che, volando, rapisce il pensiero segna la coniugazione tra il reale ed il surreale. Il vero e la luce sono trascorsi dalla vita delle emozioni."

Ecco alcune sue opere:

Ringraziamo l'autore per le immagini fornite.


lunedì 24 gennaio 2011

Amos Cartabia

 

Per conoscere meglio l'autore che sta lavorando ad nuovo romanzo ambientato a Fighille, potete trovare una breve intervista qui.
Qui una bella recensione sul suo ultimo romanzo "Oltre la libertà - Diario di bordo" e qui un articolo sulla presentazione a bordo di MSC Crociere a Genova.
Presto altri aggiornamenti.

Via Crucis: dietro le quinte 2

Alcune immagini sulla FABBRICA MAJOLICHE ARTISTICHE TORRETTI di Deruta che si occuperà della riproduzione delle opere su ceramica da esporre in permanenza all'esterno lungo il percorso della Via Crucis da Fighille a Petriolo. 
Ricordiamo che le opere originali verranno conservate all'interno della Chiesa di San Michele Arcangelo in Fighille.

sabato 22 gennaio 2011

Segnalazione d'arte 2



Con il fine di sostenere le associazioni che, come la nostra, promuovono manifestazioni d'arte in Italia segnaliamo la XIII° edizione del concorso EXTEMPORE di BOBBIO (Piacenza) - Memorial DINO CELLA in programma per il 1° maggio 2011.
L'edizione del 2010 fu vinta dall'artista ELIO ROBERTI di Brescia con l'opera che segue:


Per gli interessati tutte le informazioni sono reperibili qui.

mercoledì 19 gennaio 2011

Marzelli Pasquale


PASQUALE MARZELLI è nato ad Arezzo dove vive e lavora.
Dagli anni Settanta si dedica attivamente alla pittura esponendo in mostre personali e collettive.
Ha partecipato ai piu’ importanti concorsi nazionali ottenendo riconoscimenti e premi fra cui il Premio Nazionale di Fighille ove è piu' volte premiato.
Nel 2001 realizza il bozzetto per la lancia d’oro della 'Giostra del Saracino' di Arezzo.

Importanti, nella sua carriera artistica anche questi eventi: 
Personale Palazzo Pretorio di Poggibonsi (1980); Rassegna 'Diario Ottantasette' ex Chiesa di S.Ignazio, Galleria d’arte contemporanea – Arezzo (1987); Rassegna 'Omaggio a Maria' – Arezzo (1988); Personale 'Il mito dell’arte' - Castiglion Fiorentino (1989); ETRURIARTE 2 - Venturina – Livorno (1989); Quattro artisti per: Libertè, Egalitè, Fraternità Casa degli artisti – TENNO – TN (1989); Personale 'SENTIMENTI' Galleria Centro lavoro Arte – Milano (1990);  Collettiva 'Arte una rivoluzione permanente' Galleria saepta Claudia – Foligno (1990); Collettiva Pinacoteca Comunale ex Chiesa di S. Floriano – Jesi (1992); Personale 'Il Colle degli ulivi' Rigomagno – Siena (1996); Personale Biblioteca comunale Torrita di Siena (1999); Collettiva 'Il paesaggio nella pittura toscana contemporanea' Biblioteca comunale Torrita di Siena – SI (2000); 'Identità allo specchio' artisti contemporanei ex convento del Carmine – Firenze (2000); Collettiva Regensburg (Germania) (2002); Personale 'Paesaggi toscani tra sogno e realtà' Montefollonico — SI (2004); Personale Castiglion Fiorentino (Maggio Castiglionese) (2004); Collettiva castello di Donnenlohe-Germania (2005).

È presente la prima domenica di ogni mese nel Chiostro della Bicchieraia con il '"Cenacolo degli artisti aretini'.



Clicca qui per visualizzare le opere presenti nel piccolomuseo di Fighille

Opere di Enzo Maneglia nel museo

Il busto di Enzo Bearzot in polistirolo

Busto di Sandro Pertini (Foto in B/N con autentica dell'autore)
Busto di Federico Fellini (Foto in B/N con autentica dell'autore)

 Biografia di Enzo Maneglia


Enzo Maneglia


Enzo Maneglia è originario di Zonguldak nella lontana Turchia ma vive ormai da molti anni  a Rimini.
E' da sempre un disegnatore. Pubblicò le prime vignette sul giornale cagliaritano Pepe e sale, poi, dal 1956, sul Travaso di Guasta di cui ben presto diventerà collabo­ratore fisso per "meriti speciali": Mane­glia aveva infatti ideato la "plastivignetta", una composizione plastica, scenogra­fica, ambientata, in cui cercava di unire il reale all'artificiale. Gli valse la medaglia d'oro alle Olim­piadi dell'Umorismo di Parma, nel 1960.
Ormai affermato, Maneglia vi­de pubblicate le sue vignette anche su periodici come Calandrino, Ber­toldo, Candido (il settimanale umoristico fondato nel 1945 da Giovanni Guareschi), e su numerosi quotidiani. Uno di questi, "L'avvenire d'Italia", pubblicò vi­gnette e caricature di personaggi della politica e del mondo dello spettacolo. 
Numerose e di successo le sue mostre personali  (ricordiamo quelle di Tolentino e Pescara) e le partecipazioni a vari concorsi  (Lanciano, An­cona, Pescara). 


Oltre che come disegnatore diventa celebre per le sue riproduzioni in polistirolo. Cosi' ne parla  Luigi Morgione:
"....il suo spirito estroso di­venta efficace e corrosivo nell'uso che fa del polistirolo per riprodurre i personaggi più importanti del nostro tempo
Si tratta di una serie di busti che costituiscono una straordinaria galleria di passioni e di vanità. Qui la disposizione umoristica di Maneglia resta ugualmente estranea ad ogni cattiveria, ma la sua capacità di co­gliere i momenti più individuanti dei nostri miti quotidiani è di una sotti­gliezza impareggiabile. Il materiale fragile e duttile sembra ancora in mo­vimento, e i tagli e gli scarti comuni­cano vitalità ai minimi spazi. 

Andreotti plasmato nel polistirolo da Enzo Maneglia
Cosic­ché alla fine ti accorgi che Maneglia è riuscito a rubare ai modelli la loro ve­rità e a perfezionarla, ingigantendola senza deformarla: un gioco di mobili­tà e di ombre che prolunga la vita dei personaggi in una sfera d'arte nella quale non c'è posto più per le mistifi­cazioni e l'uomo è solo con la sua umanità, ridicola o meschina ma sempre vicina alle sue normalità. Si vedano i busti di La Malfa e di Carter in particolare: la se­rietà un po' altezzosa del primo, l'aria disorientata e stupita da improvvisatore dell'altro restano evi­denti all'occhio ma non hanno ne freddezza ne fissità, intenti come so­no essi a continuare un discorso a una platea che li ha già giudicati."

Nella serie dei polistiroli è celebre il busto di Federico Fellini che fu donato direttamente al Maestro al Gran Hotel di Rimini il 25 settembre 1983 in occasione della presentazione del film “E la nave va” e che  attualmente è conservato  presso il Museo Fellini di Rimini.
Il Fellini in polistirolo di Enzo Maneglia
Altro busto celebre è quello dedicato al presidente Mao Tse-tung (1893-1976) visto all’apice del suo “culto della personalità”. Noto in Cina come il “Quattro volte grande”: “Grande Maestro, Grande Capo, Grande Comandante Supremo, Grande Timoniere”, fu riprodotto in polistirolo da Maneglia ed esposto per la prima volta alla Biennale Internazionale dell’Umorismo nell’Arte di Tolentino nel 1979.

Il Mao Tse-tung in polistirolo
Nel 2011 dona il busto di Enzo Bearzot al piccolomuseo di Fighille. Nelle pagine seguenti potete trovare ulteriori informazioni: 1 / 2 /3 / 4
Altre informazioni possono essere trovate qui e qui.

Di Enzo Maneglia parla Franco Ruinetti nella nota di presentazione dell'opera riprodotta qui sotto:  

"Quelli di Maneglia sono paesaggi della mente, ma i protagonisti non sono lontani, perché abitano i nostri giorni, la strada, le piazze. 
Si assiste al gioco di un uomo, col carretto e i suoi scatoloni, che non lacera e pressa, al contrario li rispetta come qualcosa di estremamente importante. 
Hanno spesso un equilibrio incerto, il fiato sospeso su un incantesimo che potrebbe anche rompersi. 
Siamo sulle scene di un disegnatore sottile, dal linguaggio scaltrito, che sa condurre l'interesse all'analisi del dettaglio, che distilla l'illusione al microscopio, che subito induce al sorriso, non fine a se stesso, perché può trasformarsi in piega storta, bocca gualcita. 
E' l'umorista che fa lo sgambetto, così ognuno intrampola sui propri scatoloni e resta sorpreso perché pensava di evadere in una vacanza dell'impegno, invece si trova impigliato in questi cartoni che non si possono più buttar via perché ci siamo maledettamente dentro".


Clicca qui per visualizzare un suo lavoro dedicato a Fighille
Altre informazioni sull'autore qui.
 
Clicca qui per visualizzare le opere presenti nel piccolomuseo di Fighille

martedì 18 gennaio 2011

Segnalazioni d'arte

Nell'ottica di promuovere le manifestazioni d'arte che si svolgono in Italia, accogliamo l'invito della Galleria d'Arte La Piccola di Bologna  e segnaliamo agli interessati la 1° edizione del PREMIO RENZO MAGNANINI.
Regolamento e contenuti del concorso sono reperibili al sito della galleria a cui rimandiamo per approfondimenti.

sabato 15 gennaio 2011

Concorsi di pittura in Italia - Analisi stagione 2010


L'inizio di un nuovo anno è il momento migliore per stilare un bilancio della stagione appena conclusasi per i concorsi di pittura in Italia nel 2010
Lo facciamo analizzando i dati desumibili dai cataloghi forniti dalle varie associazioni e comitati promotori (che ringraziamo per la disponibilità) o dal web attraverso i vari siti internet a cui rimandiamo per ulteriori approfondimenti.
Nella difficile congiuntura economica che sta attraversando il paese anche i concorsi  di pittura hanno inevitabilmente avuto ricadute negative. 
Alcuni concorsi non si sono svolti mentre in altri il montepremi e partecipanti si è ridotto rispetto alle edizioni precedenti. Tuttavia, almeno per il 2010, gran parte dei concorsi "storici" hanno retto. 
Da questo punto di vista Fighille sembra essere addirittura andata in controtendenza segnando una edizione record sia come partecipanti che come premi assegnati. Cio' è consolante in vista dell'edizione speciale del trentennale (2011).
Analizzando nel dettaglio i concorsi, i dati in nostro possesso ci dicono:
______________________________________
- Premio G.B.Cromer - Città di Agna (Padova):

205 artisti partecipanti, 346 opere esposte.
La vittoria ex-aequo è andata a DANIELE CESTARI e MAURO MALTONI
Al 2° posto MICHELINO IORIZZO
_______________________________________
- FighilleArte - Premio A.Casi (Perugia)


223 artisti partecipanti, 391 opere esposte.
La vittoria è andata a GIANNI GUEGGIA
Al 2° posto ex-aequo EDI BRANCOLINI, ANTONELLA RAONI, ENZO VIVIANI
_______________________________________
- Biennale Città di Civitella (Arezzo)

 
142 artisti partecipanti, 142 opere esposte. 
La vittoria è andata a BEPPE VERANI
Al 2° posto ENZO VIVIANI
________________________________________
- Biennale Città di Limana (Udine) - Premio San Valentino

204 artisti partecipanti, 204 opere esposte.
La vittoria è andata a TINO RUSCONI
Al 2° posto CIRILLO MURER
_________________________________________
- Premio Piero della Valentina - Città di Cordignano (Treviso)


160 artisti partecipanti, 160 opere esposte.
La vittoria è andata a VETTORETTI ROBERTO
Al 2° posto FEDELI PAOLO
_________________________________________
- Biennale Città di Villasanta (Milano) - Premio Sacchi

 

185 artisti partecipanti, 185 opere esposte.
La vittoria è andata a VENTURINI STEFANO
Al 2° posto SERGIO MARA
______________________________________
- Biennale Città di Osio di Sotto (Bergamo)
191 artisti partecipanti, 191 opere esposte.
La vittoria è andata a ENZO VIVIANI
Al 2° posto ROBERTO BOIARDI, EMILIO GUALANDRIS, EZIO AROSIO
_______________________________________
- Premio Baratella - Città di Loreggia (Padova)


nd artisti partecipanti, nd opere esposte.
La vittoria è andata a FRANCO NANNINI
Al 2° posto ENZO BARBON
___________________________________
- Premio D'Annunzio - Città di Pescara


nd artisti partecipanti, nd opere esposte.
La vittoria, per la giuria popolare è andata a GUIDO GIANCATERINO 
Al 2° posto ENZO ANGIUONI
La vittoria, per la giuria tecnica, è andata a ALDO BONCRISTIANO
__________________________________


229 artisti partecipanti, 229 opere esposte.
La vittoria è andata a BUSANA ISIDORO
__________________________________


160 artisti partecipanti, 160 opere esposte.
La vittoria è andata a TRABUCCO LUCIO
Al 2° posto CENSINI GIULIANO
________________________________
 
72 artisti partecipanti, 72 opere esposte.
La vittoria è andata a BRUNO CESELIN
Al 2° posto SILVIO ZEMINIAN
_________________________________
- Premio Chimera (Arezzo) 

nd artisti partecipanti, nd opere esposte.
La vittoria è andata a MAZZONI GABRIELLA
Al 2° posto FERNANDA MORGANTI e MAURIZIO RAPITI
_________________________________
- Premio I DUE COLLI - Don Fabio Leonardis - Terni  


nd artisti partecipanti, nd opere esposte.
La vittoria è andata a CARAMIA ANTONIO
_________________________________
-Premio DIOMEDES - Manfredonia 


nd artisti partecipanti, nd opere esposte.
La vittoria è andata a DOMENICO INGINO
Al 2° posto MICHELINO IORIZZO
_________________________________

Laddove è indicato "nd" significa che il dato non è disponibile al momento.
Inoltre non siamo riusciti ad avere dati sui seguenti concorsi:

- Premio Pittura Contemporanea Città di Santhià (Vercelli)
- Premio Città di Trivero (Biella)
- Premio "La Margherita d'Argento" - Cesena
- Premio Zangheri - Città di Forli'
- Premio Città di Fontanelle (Parma)

Aggiorneremo questo post appena avremo ulteriori notizie.